Un anno, Alda

Fummo lavati e sepolti,
odoravamo di incenso.
E, dopo, quando amavamo,
ci facevano gli elettrochoc
perchè, dicevano, un pazzo
non può amare nessuno.
Ma un giorno da dentro l’avello
anch’io mi sono ridestata
e anch’io come Gesù
ho avuto la mia resurrezione,
ma non sono salita ai cieli
sono discesa all’inferno
da dove riguardo stupita
le mura di Gerico antica.

Alda Merini, da “La terra santa”. La poetessa milanese scomparve un anno fa, esattamente il 1° novembre. Ora Mondadori la ricorda con un’opera omnia che comprende praticamente tutti i suoi componimenti prima degli anni ’90 e il meglio della ricchissima produzione successiva. Vibrante ed emozionante l’omaggio di oggi alla Fondazione Cariplo-Auditorium di Milano con lo spettacolo “Delirio amoroso” interpretato da una stupenda Licia Maglietta.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s